Il professore di giornalismo sportivo UMD parla alle lezioni di giornalismo

George Solomon, ex vicedirettore sportivo del Washington Post, ha parlato alle lezioni di giornalismo il 14 febbraio. Si è concentrato su come coprire il giornalismo sportivo e sui sacrifici necessari per avere successo.  Foto di Eric Neugeboren.

George Solomon, ex vicedirettore sportivo del Washington Post, ha parlato alle lezioni di giornalismo il 14 febbraio. Si è concentrato su come coprire il giornalismo sportivo e sui sacrifici necessari per avere successo. Foto di Eric Neugeboren.

George Solomon, ex redattore sportivo del Washington Post e attuale professore di giornalismo sportivo presso l’Università del Maryland, ha visitato le lezioni di giornalismo il 14 febbraio. Ha discusso i passi per avere successo come giornalista, sottolineando l’importanza del duro lavoro.

Solomon ha aperto la discussione enfatizzando il tratto più importante di un giornalista di successo: la lettura. Al fine di coprire una storia in modo efficace, bisogna essere cittadini del mondo e seguire la copertura degli eventi attuali, ha detto.

“Anche se non sei un drogato politico, dovresti seguire la copertura del New York Times e del Washington Post per vedere cosa sta succedendo e come è coperto il presidente”, ha detto Solomon. “Devi vedere come le persone coprono le notizie.”

Solomon si unì al Washington Post nel 1972 come editorialista dopo aver lavorato all’NCAA e a Fort Lauderdale Sun Sentinel dopo la laurea nel 1963; è stato poi promosso assistente di direttore sportivo nel 1975. Nel 2003, ha accettato una posizione come professore di giornalismo sportivo presso il Philip Merrill College of Journalism presso l’Università del Maryland e ha iniziato a servire come direttore dello Shirley Povich Center for Sports Journalism presso UMD quando è stata fondata nel 2011.

Solomon ha fornito agli studenti di giornalismo consigli su come coprire gli sport quando sono coinvolti politica e problemi di razza, riferendosi alla copertura della decisione di Colin Kaepernick di inginocchiarsi come esempio.

“Sport e politica sono intrecciati”, ha detto Solomon. “La maggior parte dei redattori diranno cosa [Kaepernick] e i movimenti successivi, come Black Lives Matter e l’inginocchiamento dell’atletica leggera, fanno parte della stagione calcistica 2017, se non la parte più importante di essa. Come giornalisti, devi sapere di cosa si stava inginocchiando. Devi essere in grado di leggere e capire a cosa stava obiettando e cosa gli è successo. “

Inoltre, Solomon ha espresso l’importanza dell’impegno nel settore giornalistico. Come reporter ed editore, Solomon ha iniziato a lavorare alle 10 del mattino, non è partito fino alle 21 e raramente ha cenato con la sua famiglia. Se qualcuno desidera intraprendere una carriera come giornalista, ha detto, non dovrebbe aspettarsi di mantenere un folto gruppo di amici poiché le notizie spesso appaiono nei fine settimana.

“C’è una storia su un famoso autore che era un giornalista novellino in uno dei giornali di Washington ai tempi in cui non aveva mai avuto la possibilità di mettersi alla prova”, ha detto Solomon. “Era in giro nel fine settimana e c’era un grande incendio, quindi ha dovuto coprire il fuoco. Ne scrisse il diavolo e ottenne un lavoro a tempo pieno. Se ci sei, succede qualcosa. ”

Sophomore Isabel Hoffman ha apprezzato l’apprendimento di ciò che serve per diventare una giornalista e ha osservato che il duro lavoro paga nelle sue storie di giornalismo.

“Non puoi semplicemente dilettarti nel giornalismodevi essere veramente concentrato e impegnato “, ha detto Hoffman. “È un impegno enorme ed è importante che lo ami perché ciò si rifletterà nel tuo lavoro.”

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *