Il pannello sulle notizie false educa i vicini gli studenti

I vicini + ascoltare + per + panelist + Elis + Estrada +% 28far +% a destra 29 + in + la + multimediale + Presentazione + a +% + Notizie 22Fake% 3A + Come + per + Conoscere + Cosa + per + credere% 22 + ospitato + del + organizzazione locale + + + I vicini Stati. + Seduti + sul + stage + da + sinistra + a + destra% 3A + panelist + Maggie Farley +% 2C ++ panelist + Alan Miller + + e + + moderatore Caron + Martinez. + Foto + da + Naren + Roy. +

I vicini ascoltano la giurista Elis Estrada (all’estrema destra) nella sua presentazione multimediale al “Fake News: How to Know What to Believe” ospitato dall’organizzazione locale Neighbors United. Seduto sul palco da sinistra a destra: il panelist Maggie Farley, il panelist Alan Miller e il moderatore Caron Martinez. Foto di Naren Roy.

Neighbors United ha ospitato un gruppo di tre giornalisti professionisti per presentare strumenti per identificare false notizie alla Congregazione Unitaria Universalista di River Road il 6 novembre.

Il panel comprendeva Alan Miller, fondatore e CEO del News Literacy Project; Maggie Farley, American University Trasformazione della leadership giornalistica Professional Fellow ed Elis Estrada, direttore di PBS Newshour Student Reporting Labs. Caron Martinez, direttore del Kogod Center for Business Communication dell’American University, ha moderato l’evento. L’affluenza al pubblico totale è stata vicina a 60, ha detto il rappresentante dei vicini United Polly Sherard.

“Penso che il vero valore della sessione di questa sera sia che ti mostreremo alcuni strumenti e strategie reali che ti lasceranno speranzoso”, ha detto Martinez. “Non volevamo stringerci le mani e lamentarci del fatto che esistano notizie false”.

I residenti nell’area di Whitman hanno avviato Neighbors United alla fine del 2016, il primo incontro a dicembre per connettersi e supportare meglio i vicini a seguito di episodi di odio nella comunità, ha dichiarato Sherard e il rappresentante Jo-Ann Harrison.

“Stavamo cercando un evento per sperare che potesse piacere a un vasto pubblico e abbiamo appena avuto questa idea in agosto”, ha aggiunto Sherard.

In prefazione al suo messaggio principale per la sera, Martinez ha discusso dell’importanza delle notizie false e ha chiesto al panel di definirlo per il pubblico. Ogni membro del panel ha quindi presentato una panoramica della propria esperienza personale aiutando le persone a navigare nei diversi media.

Farley ha permesso al pubblico di provarla gioco interattivo online di alfabetizzazione delle notizie, “Factitious”, che ha co-creato alla American University. Consente ai consumatori di notizie di testare le proprie capacità di verifica dei fatti utilizzando una serie di titoli e articoli.

Sia Miller che Estrada hanno condiviso progetti rivolti in particolare agli sforzi di alfabetizzazione delle notizie per i giovani.

Miller ne discusse Progetto di alfabetizzazione di notizie, che ha creato dopo aver parlato con gli studenti di Pyle oltre un decennio fa del suo giornalismo, ha detto. Il programma ha continuato a essere pilotato in tre scuole, tra cui Whitman. Ora offrendo programmi a livello nazionale, il Progetto di alfabetizzazione giornalistica insegna agli studenti a determinare la credibilità dei notiziari, in particolare attraverso l’uso della loro recente tecnologia di apprendimento virtuale “Checkology“.

“Gli studenti devono imparare a essere critici, scettici e intelligenti su ciò di cui si fidano, come studenti e come cittadini”, ha affermato Miller.

Estrada ha condiviso una presentazione multimediale su Student Reporting Labs da PBS Newshour Extra che aiuta a organizzare le risorse educative in oltre 100 scuole in tutto il paese.

“Gli studenti si stanno impegnando nella più alta forma di indagine giornalistica e produzione mediatica, nonché nell’apprendimento basato su progetti”, ha affermato Estrada.

La serata si è conclusa con i panelisti che hanno posto le domande del pubblico che andavano dai motivi e dalle identità dei falsi creatori di notizie al ruolo del bias di conferma nella vita di tutti.

Dopo aver partecipato all’evento, il secondo anno Lorenzo Natal ha dichiarato di sentirsi più informato sugli strumenti disponibili per esaminare criticamente il proprio consumo di notizie sui forum di social media come Snapchat.

“Penso che gli studenti siano a conoscenza di notizie false, penso solo che non ci pensino quando leggono cose”, ha detto Natal. “Sono come ‘oh wow, questo è interessante, lasciami condividere con questa persona.’ Non è il loro riflesso – dovrebbe essere – controllare qualcosa. Penso che abbiamo bisogno della tecnologia [like Checkology]“.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *